Il tuo browser non è supportato. Per una migliore esperienza, utilizza uno di questi browser supportati: Chrome, Firefox, Safari, Edge.
Passa ad un contenuto principale
Accedi / Registrati
What We Do When In Silence

Jazz/Blues

Biglietti per What We Do When In Silence

Eventi

0 Eventi futuri

Ci dispiace, ma non ci sono eventi futuri al momento.

Informazioni

L’inedito trio formato da alcuni dei musicisti italiani più avventurosi, la chitarrista (elettrica) Alessandra Novaga, che, partita da una solida formazione classica, si è da tempo rivolta alla sperimentazione sonora e all’improvvisazione radicale, il percussionista Enrico Malatesta e il performer elettroacustico Nicola Ratti, presenta il nuovo album. Il trio è il frutto di una residenza offerta dal Centro d’Arte, sempre favorevole a produzioni originali sviluppate in stretto dialogo con i musicisti.

Enrico Malatesta, alle percussioni, è un percussionista e ricercatore indipendente attivo in ambiti sperimentali posti tra musica, performance e indagine territoriale; la sua pratica esplora la relazione tra suono, spazio e movimento e la vitalità dei materiali con particolare attenzione alle superfici, alle modalità di ascolto e alla definizione di informazioni multiple attraverso un approccio ecologico e sostenibile allo strumento percussivo.

Alessandra Novaga, alla chitarra elettrica, è una chitarrista che da anni esplora i possibili territori in cui il suo strumento può condurla. Ha attraversato i mondi più classici fino a giungere ad astrazioni impalpabili senza porre limiti agli uni o alle altre. Il suono, il suo significato, la sua relazione con lo spazio, gli incontri e le narrazioni, sono gli elementi che la conducono.

Nicola Ratti, al sintetizzatore, è un musicista poliedrico e sound designer attivo da anni in diversi ambiti sperimentali. La sua produzione sonora crea sistemi che prendono forma dalla ripetizione e dall'espansione, con particolare attenzione alla costruzione di ambienti che gravitano in relazione allo spazio e all'architettura in cui viviamo e al bilanciamento degli orientamenti emotivi e percettivi a cui siamo abituati.